Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

lunedì 1 giugno 2009

ADDESTRAMENTO CANI: AGILITY




Ispirata ai concorsi ippici, dove cavallo e cavaliere affrontano percorsi a ostacoli cercando di accumulare il minor numero possibile di penalità, l'Agility dog si è rapidamente diffusa in quasi tutto il mondo, arrivando a contare, soprattutto nei paesi anglosassoni, decine di migliaia di praticanti. In Italia, dove è giunta sul finire degli anni '80, questa specialità è quella che ha riscosso il maggior successo tra le attività cinofilo-sportive. I praticanti nel nostro Paese sono stimati in un migliaio circa, metà dei quali prendono parte con regolarità alle numerose prove, , ufficiali e non, organizzate in tutta la penisola.
Il successo di questo sport è facile da spiegare semplicemente osservando una gara. L'Agility è, infatti, divertente, spesso addirittura entusiasmante e assai coinvolgente per chi la pratica. Un percorso di gara dura in media 30-40 secondi e il cane si trova ad affrontare diversi tipi di ostacoli: salti, tubi, slalom, passerelle e altalene, guidato nella sequenza predefinita (e sempre diversa per ogni competizione) dal suo conduttore.
Non si pensi che sia una cosa facile: dietro a quei pochi secondi di fre netica attività sul percorso, infatti, ci so no mesi e mesi di lavoro preparatorio, f nalizzato soprattutto a creare, tra cane e conduttore, quell'intesa immediata e quella sincronia di movimenti indispensabili per affrontare con successo i vari tipi di tracciato. Se, però, raggiunge re il livello di intesa e abilità sufficiente a superare tutti i tipi di ostacoli è impre sa alla portata di quasi tutti, sviluppare velocità e traiettorie adatte a rispettare tempi di gara senza incorrere in penalit (realizzando cioè un percorso "netto") <>
Sicuramente più complesso e spiegare ai conduttori "bipedi" come muoversi lungo il percorso e come comunicare rapidamente al cane i necessari cambi di direzione. Tra cane e uomo, infatti, è certamente il secondo quello meno portato al lavoro dinamico in sincronia con un altro individuo che, per di più, ha risorse atìeti-che e polmonari assai più sviluppate. Tuttavia, quando si crea il giusto feeling... l'Agility diventa davvero entusiasmante.




UNO SPORT PER TUTTI?


A livello di puro divertimento, l'Agility è davvero un'attività adatta a qualsiasi tipo di cane, per tenerlo in movimento e per sviluppare intesa e comprensione con il padrone. Permette, inoltre, un piacevole sfogo dell'energia psico-fisica. A livello agonistico, invece, le limitazioni ci sono e non vanno sottovalutate: cani di taglia imponente, oppure affetti da problemi ortopedici (displasia, osteocondrite e simili) o respiratori non dovrebbero mai essere sottoposti ai forti carichi di lavoro richiesti dall'Agility agonistica, perché le conseguenze sulla loro salute potrebbero essere davvero gravi e invalidanti.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails