Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

domenica 1 novembre 2009

Abituare il cane a fare i bisogni fuori: la Mia esperienza da principiante..

Gironzolando su internet e rispondendo spesso su Yahoo Answer, ho notato questo:  chi ha con sè un cane per la prima volta, ha il panico perchè il cucciolo non è abituato affatto a fare i bisogni durante la passeggiata. Bisogna orientarlo e ...come si fa?
I miei studi , pubblicati su questo blog, mettono in evidenza che c'è un momento preciso in cui il cucciolo ha lo stimolo all'evacuazione: dopo i pasti e appena sveglio. Questo è senz'altro vero, non c'è dubbio.
Adesso che lo so, adesso che ho acquisito la mia esperienza....lo so, è vero!
Avevo adottato Camilla al Canile Portuense a Roma. Non era cucciola, affatto. La sua età si aggirava intorno ai 10 anni abbondanti, cane Breton femmina. Il problema di quando come e perchè abituarla a fare i bisogni non si è mai presentato, poichè era ben educata e con una dignità impressionante. Quando voleva uscire, prendeva lei stessa il guinzaglio e io capivo.
Quando mi hanno regalato Tequila, un boxer di 60gg, ero completamente senza parole. Camilla è stato il primo cane che ho avuto...e un cucciolo, non sapevo neanche da dove iniziare. Soprattutto perchè inaspettato.

All'inizio si pensa che....insomma, mica ci vorrà una laurea per tirare su un cane....E non si fanno i conti con la nostra sensibilità, col fatto che un cane cucciolo ha tante esigenze, che c'è bisogno di tanta pazienza, arma quest'ultima, fondamentale.
Sono stati mesi impossibili, i primi 8.
Mi sono innamorata subito del cucciolone, nel frattempo la mia Camilla se n'è andata e la mia attenzione era tutta rivolta a lui, a come crescerlo al meglio e come cercare un buon equilibrio comunicativo e pragmatico con lui.
Tutte parole....non sapevo dove mettermi le mani!
Lo portavo fuori per ore a correre, al mare, sui prati, a fare lunghe passeggiate, ma non c'era verso. Dei bisognini durante le passeggiate neanche l'ombra, anzi. Si tratteneva finchè non lo riportavo a casa.
Appena aperta la porta, entrava e me la faceva all'ingresso, che all'epoca non aveva neanche le mattonelle, perchè stavo ristrutturando casa.
Insomma, non so come, aveva capito che i bisogni si facevano in casa.
E i molossi sono testardi.....
Finchè non ha raggiunto la maturità sessuale, a 8 mesi, non c'è stato verso di fargli cambiare abitudine, in nessun modo, ma penso di non averle provate tutte, perchè non sapevo come fare altrimenti, in verità.
Ho chiesto a chiunque avesse già esperienza, ma la risposta era sempre la stessa: non preoccuparti..si abituerà. PRIMA O POI.
La veterinaria mi diceva di avere pazienza, solo qualche mese, mi diceva.
Qualche mese....con un cane problematico, con ispessimento intestinale dovuto ad una intossicazione avvenuta in allevamento, con diarrea continua e il pavimento senza mattonelle....
Nel frattempo che avevo pazienza, la veterinaria mi consigliò un mangime da dare al mio Tequila e almeno le scariche terminarono. Ero talmente felice che finalmente il mio cane stava iniziando uno sviluppo fisico normale, che mi rilassai anche sulla questione "bisognini".
A 8 mesi appena compiuti...durante una passeggiata, alzò la zampa posteriore e fece pipì su un palo della luce.
Mi veniva da piangere per la gioia...Il molossone, carattere da dominante assoluto, stava iniziando ad avvisare i suoi compari che adesso c'era pure lui.
Da quel momento, s'è dimenticato completamente della sua reiterata abitudine di evacuare in casa, così, come se nulla fosse.
Una volta soltanto, successivamente, è ricapitato.
Quella volta che entrò in casa una persona a me molto sgradita, purtroppo invitata a cena.
Appena questa persona entrò nel "nostro nido sereno" a provocare strane reazioni emotive nella sua padrona...lui alzò la zampa e gli fece pipì sui pantaloni. Non ti dico che caos, in un minuto!
Mi guardava soddisfatto, mentre io ridevo come una pazza....gli concessi uno sforo al pasto ordinario, per ricompensa. Quando si accertò che mi fossi tranquillizzata, si accoccolò vicino a me.
Ma questo riguarda un'altra questione annosa: quella del rapporto Padrone-Cane.
Ne parleremo con calma.
:)
j

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails