Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

sabato 30 maggio 2009

DOGUE DE bORDEAUX: GLI STANDARD


GLI STANDARD
Il primo standard che tratta della razza "Co-rotte re dei veri Do­gues" a cura del medi­co veterinario Pierre MÉGNIN, Le Dogue de Bordeaux, è del 1896. Nel 1910 ven­ne redatto un secondo standard da J. KUNTLER, "Étude critique du Dogue de Bordeaux". Nel 1971 fu pubblicato un terzo standard ad opera di Raymond TRIQUET, con la collaborazio­ne del Medico Veterinario Maurice LUQUET. Il quarto standard, riformulato secondo il modello di Gerusalemme (F.C.I.), da parte di Raymond TRI­QUET con la collaborazione di Philippe SEROUIL, Presidente, e del Comitato della Société des Amateurs de Dogues de Bordeaux, 1 993. Alcune precisazioni vennero poi aggiunte nel 2007 sem­pre da Triquet unitamente a Sylviane Tompousky (Presidente della SADB) e dal menzionato Sèrouil e vennero pubblicate nello standard attuale del 4.1 1.2008 e ratificato al­l'inizio di quest'anno dalla FCI. Il Dogue de Bordeaux è un molosso con struttura possente, dal corpo muscoloso, pur conservando un insieme armonioso. Ha l'aspetto di un temibile atleta muscoloso, tarchiato, imponente e fiero. Antico cane da combattimento, è ideale per la guardia, che svolge con vigilanza, grande coraggio, ma senza aggressività. E molto affezionato al padro­ne e particolarmente attento coi bambini. Calmo, equilibrato con una soglia di risposta elevata. Normalmente il maschio ha un carattere dominan­te. La testa è voluminosissima, spigolosa, larga e piuttosto corta, trapezioidale se vista di fronte. Il muso è potente e largo, il tartufo ben pigmentato di nero o di marrone, secondo la maschera del soggetto; le orecchie sono relativamente pic­cole e più pigmentate rispetto al mantello. La linea dorsale deve esse­re diritta, con dorso largo e muscoloso. Taglia: il maschio misura da 60 a 68 cm al garrese, la femmina da 58 a 66. Un centimetro in meno e due in più sono tollerati. Il peso minimo è di 50 kg per il maschio, 45 per la femmina. Coda: molto spessa alla base, in lunghezza non raggiunge il garretto; è portata bassa, profondamente inserita. Colori: unicolore in tutta la gamma del fulvi dal mogano all'isabella. Maschera accentuata rossa o nera. E' apprezzata una buona pigmentazione. Sono ammesse macchie bianche poco estese e ben delimitate su petto e piedi.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails