Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

sabato 30 maggio 2009

DOGUE DE BORDEAUX: Le origini


LA STORIA
Come tutti i molossoidi la storia di questa razza si perde fra teorie e testimonianze tutte valide ma nel contempo confutabili come ampiamente scritto su queste pagine innume­revoli volte. Dato lo spazio ristretto non mi dilungherò molto ma tengo a precisare che come già scritto da F. Bonanno lo studio del­la genesi delle razze antiche ha comunque limiti circoscritti e nes­suna tesi può assume­re valore assoluto. Sappiamo per certo che la parola "dogue" (mastino) appare alla fine del XIV secolo in Francia. A metà del XIX secolo, questi anti­chi mastini erano poco rinomati tranne che in Aquitania. Erano uti­lizzati per la caccia alla grossa selvaggi­na (cinghiale), per combattimenti (spesse volte legali), per la guardia delle case e del bestiame, al servi­zio dei macellai. Nel
1 863 ebbe luogo a Parigi, ai Jardin d'Acclimata-tion, la prima esposizione canina francese. I Dogue de Bordeaux vi figuravano con il loro attuale nome. Ne esistevano di diversi tipi a seconda della provenienza delle prime selezioni:
tipo tolosiano, tipo parigino e tipo bordo­lese che all'origine del Dogue attuale. La raz­za che aveva molto sofferto tra le due guer­re mondiali, al punto di essere minacciata d'estinzione dopo la guerra del 1939-1945, riprese il suo sviluppo durante gli anni '60.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails