Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

domenica 26 luglio 2009

FILARIA, CONOSCERE E PREVENIRE


La filaria è un verme tondo (Dirofilaria immitis) che causa la filariosi cardio-polmonare (FCP), una malattia che colpisce, portando anche alla morte, gli animali domestici e principalmente i cani che sono ospiti ideali e "serbatoio" del parassita.


Come si diagnostica?
Con un test ematologico, il medico veterinario accerta la presenza di filariosi nel cane. In assenza di controlli, la malattia non si manifesta, almeno all'inizio, con sintomi evidenti ma avanza fino allo stadio conclamato con una progressiva infestazione, prima a carico dei polmoni e, negli stadi finali, a carico del cuore. Solitamente compare una tosse persistente, seguita da difficoltà respiratorie, affaticabilità e sincope.


Come si trasmette?
La larva della filaria viene trasmessa da un cane malato a uno sano attraverso la puntura di una zanzara. Se non contrastata da una corretta prevenzione, la larva raggiunge le arterie polmonari dove si trasforma in parassita adulto che, a sua volta, produce milioni di larve. Queste circolano nel sangue periferico, dove vengono assunte da nuove zanzare: l'infestazione così si propaga.


Zone e periodi a rischio
La Filaria è diffusa, in particolare, nella pianura padana, lungo il corso del fiume Po, in Sardegna e nel Centro Italia sino in Umbria. Rispetto agli anni passati si sta evidenziando un allargamento delle aree di diffusione. La trasmissione del parassita è concentrata, prevalentemente, tra maggio e ottobre, ma questo periodo si sta progressivamente ampliando a causa di fattori climatici sempre più favorevoli alla vita delle zanzare.

LA PREVENZIONE
La cura della filariosi è difficile, presenta effetti collaterali rischiosi e non consente il completo recupero dei danni provocati dal parassita. La prevenzione è quindi fondamentale. Va effettuata preferibilmente nel periodo pri-mava-estate ed è possibile con due modalità: somministrazione mensile di farmaci orali per tutta la stagione a rischio, oppure un'unica iniezione una volta l'anno. Per saperne di più:
www.filariosi.it e www.fortdodge.it

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails