Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

mercoledì 15 luglio 2009

Lo sheepdog


Nel paese di origine del border collie, la Gran Bretagna, la conformazione del paesaggio ha da sempre condizionato il tipo di sfruttamento del terreno. Il paese, infatti, si erge su pietra calcarea e su ardesia e spesso le colline e le montagne sono così scoscese che, anche se sono fertili e teoricamente potrebbero essere coltivate, sarebbe estremamente difficoltoso ottenere un raccolto, anche utilizzando i metodi più moderni. L'allevamento estensivo del bestiame è pertanto un'ovvia alternativa.Da secoli le ripide colline britanniche sono popolate da pecore, che con i loro piccoli zoccoli consolidano la struttura del terreno. Se nelle zone pianeggianti gli allevatori conducono le loro pecore in pascoli diversi spostandosi su motocicli, sulle colline rocciose il border collie è l'unico mezzo possibile per effettuare questo lavoro: senza un buon cane, sia sulle colline che in pianura, il lavoro del pastore sarebbe impossibile. Un buon cane, in effetti, può svolgere il lavoro di una dozzina di uomini.
Il border collie, universalmente riconosciuto come il miglior cane al mondo da conduzione gregge, a differenza della maggior parte delle razze da pastore, che devono mantenere il bestiame riunito in un certo posto e proteggerlo, nasce invece con l'istinto di radunare le pecore e di portarle dal pastore, e questa sua caratteristica lo rende prezioso per il lavoro, soprattutto su terreni estesi e collinari, in cui le pecore frequentemente devono essere guidate tra alberi, siepi e attraverso guadi.
Spesso, inoltre, è necessario portarle in uno spazio ristretto o isolarne una piccola parte dal gregge (per esempio nel periodo in cui nascono gli agnelli, in occasione delle vaccinazioni, del taglio delle unghie o della tosatura). A questo scopo vengono insegnati al border collie un certo numero di comandi, che gli vengono impartiti col fischio o a voce.
Il border collie controlla le pecore con il cosiddetto «occhio», termine con cui si fa riferimento alla dose di concentrazione sulle pecore che manifesta e che gli conferisce la forza necessaria per tenerle sotto controllo. Un border in cui questa caratteristica è ben sviluppata viene definito un cane con «molto occhio», ma questa prerogativa, tuttavia, non deve manifestarsi in maniera eccessiva, altrimenti produce l'effetto opposto, in quanto un cane con «troppo occhio» quasi raggiunge una sorta di stato di trance, che gli impedisce di staccarsi dalle pecore e, conseguentemente, lo rallenta nel lavoro.
Il border ha la tendenza a «gattonare», ovvero a camminare quasi strisciando sul terreno mentre si sta avvicinando alle pecore, ed anche quando è in piedi ma fermo vicino alle pecore, è comunque rannicchiato nella tipica postura in avanti. Questa caratteristica, unita all'«occhio», dà a questo cane un aspetto decisamente predatorio e infatti, analizzando il modo in cui il border collie si rapporta con le pecore,ci si rende facilmente conto che il SUo modo di lavorare è frutto di un forte istinto predatorio represso e convogliato verso il controllo e la conduzione del gregge.
Il border è particolarmente apprezzato dai pastori per la sua vivace intelligenza che, all'occorrenza, gli consente anche di prendere delle iniziative da solo. I border infatti, soprattutto in Gran Bretagna' vengono spesso mandati a radunare greggi di pecore sparpagliate su enormi distese di terreno e visto che, conseguentemente, si trovano spesso a lavorare fuori vista dei conduttori e talmente distanti da loro da non poter neanche sentire i comandi fischiati, questi cani devono essere intelligenti e indipendenti, tanto da poter padroneggiare situazioni in cui non possono contare sull'assistenza del pastore.
Per iniziare con lo sheepdog, se innanzitutto è necessario possedere un buon border collie, con la giusta dose di occhio e di interesse verso le pecore, è tuttavia imprescindibile un rigoroso addestramento specifico, inizialmente per convogliare queste capacità naturali nella giusta direzione e successivamente per fornire sia al cane che al conduttore le rifiniture necessarie per iniziare a competere nei trials. Per ottenere la massima efficienza, tutto il lavoro effettuato con le pecore, soprattutto in gara, deve evitare assolutamente un eccessivo stress per le pecore e apportare il minimo sforzo possibile al cane. Come afferma giustamente Iris Combe1, in un border collie ben addestrato che sta lavorando «ogni movimento calcolato rappresenta l'apice di un insieme di intelligenza, istinto, forza e buon addestramento".
Nelle varie fasi degli sheepdog trials, ovvero le gare di conduzione gregge, si rispecchiano numerose attività che fanno parte del lavoro di fattoria, e le fasi della gara, pertanto, costituiscono un'esemplificazione sintetica dei compiti quotidiani a un border collie da lavoro.
Spesso un gregge dev'essere spostato in un altro pascolo o radunato perché le pecore devono essere vendute, vaccinate, medicate, tosate, ecc.
Per radunarle, il cane deve fare un'ampia ricerca (che nel trial viene definita outrun) e portarle verso il pastore ifetch). Spostare le pecore da qualsiasi altra parte (per esempio su una strada) è rappresentato nel trial dal drive.
Le varie fasi della gara testano anche l'abilità del cane di condurre con precisione le pecore in una piccola area o attraverso un corridoio stretto, abilità che nel lavoro di fattoria è preziosa per gestire situazioni in cui le pecore devono essere spostate e maneggiate singolarmente, allo scopo di essere periodicamente sverminate, oppure per essere sottoposte al controllo, al taglio e alla medicazione degli zoccoli per prevenirne pericolose infezioni, o ancora, nei mesi estivi, per essere trattate contro i parassiti mediante immersione in acqua medicata. Nel corso del trial viene evidenziata la grande precisione con cui il conduttore e il cane possono maneggiare le pecore e la capacità del cane di dosare la pressione nei loro confronti, anche perché troppa pressione potrebbe spaventarle e una forza insufficiente le farebbe fermare.
Talvolta è necessario (per esempio per medicazioni individuali o quando si selezionano i capi da vendere) separare una o più pecore dal gregge.
Nelle gare di sheepdog il pastore deve posizionare le pecore selezionate in fondo al 8regge, così il cane può passare nel mezzo e isolare gli animali selezionati dal resto del gregge.
Questa nel trial è la cosiddetta Divisione (Shedding o Singling, isolamento, se riguarda solo una pecora).
La difficoltà viene aumentata in gara facendo svolgere lo shedding all'interno di un cerchio.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails