Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

sabato 1 agosto 2009

Approfondimento: il Chihuahua- parte I


Cinofilia di razza in crisi? Cali di iscritti ai Libri Genealogici? Per molte razze purtroppo è cosi, sicuramente non per due cani, probabilmente favoriti dalla piccola taglia e dall'essere prepotentemente «in» come il jack russell e il chihuahua. Il trend per il piccolo cane messicano è, infatti, costantemente in crescita: nel giro di pochi anni ha praticamente raddoppiato le iscrizioni, passando dalle 77Ü del 2003 alle 1.418 del 2007, e questo per quanto riguarda i cani censiti, a cui dobbiamo aggiungere una gran quantità di cani privi di pedigree, frutto per lo più di allevatori improvvisati che, fiutata la razza del momento, si sono buttati a pesce nella riproduzione selvaggia, anche se di dubbia qualità. Quando una razza vive un periodo di grande boom. Il chihuahua è una delle razze più in crescita: quali sono i pro e i contro di un successo così crescente?
I pro possono essere che sempre più persone si appassionano a questa razza, alcuni scelgono i chihuahua perché facilmente gestibili, si portano ovunque e non necessitano di grandi spazi e di cure particolari. Nei contro mettiamoci il rischio di trovare molti soggetti di bassa qualità, questo dovuto al fatto che tutti si stanno improvvisando allevatori di questa razza, acquistano 2 o 3 soggetti, si documentano su internet e voilà, diamo il benvenuto ad un nuovo allevatore, ma in questo modo a farne le spese è senza dubbio la qualità. Piccolo ma non minuscolo: è vero che molte persone sono convinte che più è piccolo e meglio è?
Qualche tempo fa forse era così, ora le persone prima di acquistare un cucciolo si documentano e quando chiedono un soggetto piccolo specificano: "non piccolo piccolo perché sappiamo che ha bisogno di più cure, che è più delicato e che può andare facilmente in ipoglicemia". Nei vari forum sul chihuahua si parla molto delle problematiche legate alle ridotte dimensioni e fortunatamente le persone hanno capito che è meglio qualche etto in più, ma sicuramente qualche problema di meno!
Lo standard ammette numerosi colori, ma c'è una preferenza sia da parte degli allevatori, sia da parte degli acquirenti?
Lo standard ammette tutti i colori e le preferenze per uno piuttosto che un altro, sono del tutto soggettive, non esiste un colore più pregiato di un altro; gli allevatori prediligono soggetti con meno difetti possibili e il colore, in questo caso, è indifferente. Diverso è il discorso per gli acquirenti: per loro, invece, il colore è più importante, acquistano un cucciolo quindi l'impatto iniziale è dato dal colore del mantello, infatti capita sempre che chi si accinge a prendere un cucciolo specifichi sempre il tipo di pelo e il colore.
Il chihuahua a pelo lungo è meno comune: ci sono differenze tra le due varietà oltre alla lunghezza del pelo?
E' vero, il pelo lungo in Italia è meno conosciuto; lunghezza a parte, si riscontra tra le due varietà anche una differenza caratteriale, infatti il chihuahua a pelo lungo è generalmente più tranquillo rispetto a quello a pelo corto.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails