Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

lunedì 17 agosto 2009

Il bambino e il cane:come evitare le aggressioni


"Il momento più delicato è individuabile tra gli 8 mesi e i 2 anni di età, quando cioè il bambino impara a relazionare con il mondo esterno, quindi con il cane che vive in famiglia.
Se il bambino è stato tenuto separato dal cane, è inevitabile che ad un certo punto lo scopra: lo segue continuamente con gridolini, e il cane stupito e, perché no, magari anche impaurito può tentare di fuggire e nascondersi; scoperto e di nuovo insistentemente seguito potrebbe anche reagire male.
Un incidente sarà tanto più grave quanto più il cane è stato messo alle strette e spaventato. A questo periodo delicato ne segue un altro, più rassicurante per i genitori, poiché nel tempo il bambino e il cane stabiliranno un legame profondo nel quale l'animale accetterà il ruolo di dominio assunto dal suo piccolo padrone.
Tuttavia, è allora necessario che i genitori limitino gli eccessi che la passività del cane potrebbe autorizzare. I bambini che non crescono con un cane possono avere reazioni diverse quando ne incontrano uno per strada: se cresciuti in una famiglia con un equilibrato rispetto per gli animali, avranno forte attrazione e curiosità, fin dai primi momenti relazionali. Sarà quindi necessario accompagnare il bambino ad accarezzare il cane, insegnandogli come fare per non spaventarlo, evitando slanci perché non tutti i soggetti, per quanto socievoli, possono accettare certi movimenti da estranei, anche se piccini.
Se cresciuti in una famiglia dove anche solo un genitore ha poca confidenza con i cani, i bambini inibiranno la loro prima istintiva curiosità, che può quindi essere dirottata verso atteggiamenti di paura.

Il cane e gli adolescenti

Spesso un cane entra in una famiglia quando il bambino è già grandicello, se non adolescente, a volte dietro richiesta del bambino stesso. Ottima scelta perché a questa età il connubio tra i due è più equilibrato. Ma per quanto ri-uarda la gestione giornaliera del cane un bambino, in particolare l'adolescente, non ha la dovuta pazienza per poter ottemperare a tutti gli oneri necessari; i genitori dovranno quindi assumersi gran parte dell'impegno, responsabilizzando poco alla volta anche il figlio."

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails