Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

martedì 9 giugno 2009

Le razze del Gruppo 1: IL KUVASZ



IL KUVASZ

ORIGINE
Spagna (Catalogna)

CARATTERE
Obbediente, attivo e gran lavoratore; molto diffidente con gli estranei.


Appartiene a una delle razze ungheresi più antiche, un cane da pastore discendente dai mastini del Tibet dal quale derivano probabilmente il ko-mondor e il puli. La struttura fisica è abbastanza simile a quella del komondor, un cane possente e instancabile nel lavoro, da cui si distingue per il pelo corto. Sull'origine del nome vi sono due teorie. La prima sostiene che il termine kuvasz deriverebbe dal turco "kavasz" che significa "custode sicuro", mentre secondo un'altra ipotesi il nome della razza ungherese sarebbe legato all'espressione "kudda" utilizzata dai Sumeri per indicare il cane. Se quest'ultima ipotesi fosse verosimile è evidente che il kuvasz esiste da tempi immemorabili. In Italia la razza è poco conosciuta, forse anche perché da noi esiste il pastore maremmano-abruz-zese che non soltanto è simile per il colore del mantello, ma anche per altre caratteristiche morfologiche e caratteriali. Il kuvasz è un pastore ausiliario dell'uomo nella custodia delle greggi e un cane da guardia e da difesa, utilizzato in passato soprattutto per tenere lontani i lupi.
In Ungheria, oltre che per dare la caccia ai predatori, il kuvasz fu utilizzato in passato come cane da guardia e da difesa dei nobili. Il suo carattere riservato, schivo e diffidente nei confronti di qualsiasi estraneo lo rendeva in effetti un incorni ttivile difensore delle proprietà nobiliari.


STANDARD

Il kuvasz è un vecchio cane da pastore ungherese, forte, solido, resistente e di grossa taglia. Il mantello è di colore bianco-avorio, il pelo è ruvido, un po' ondulato e di media lunghezza, il sottopelo è fine e morbido per proteggere il cane dalle intemperie. Sul collo, sulle cosce e sulle zampe il pelo è più lungo e forma delle frange che sono abbondanti anche sulla coda. L'altezza al garrese è di circa 70 centimetri. La testa è allungata, il cranio bombato e lungo, il muso è forte e si restringe verso il tartufo nero, lo stop è moderato. Gli occhi sono scuri e a forma di mandorla, in posizione semilaterale. Le orecchie sono pendenti a V, di media grandezza e attaccate alte. Il collo è muscoloso, solido, privo di giogaia, il torace è ampio e profondo, la groppa è un po' scoscesa, il ventre retratto, gli arti robusti e diritti, l'andatura è pesante e lenta.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails