Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

giovedì 25 giugno 2009

Le razze del gruppo 10: IL SALUKI:::ORIGINE::Iran::CARATTERE::Intelligente, attivo e dolce.





















Detto anche levriero persiano, deve il suo nome a Saluk, un'antica città araba ora scomparsa. È considerato il progenitore di tutte le attuali razze dei levrieri selezionate dall'uomo con l'immissione di altri tipi di sangue. Attraverso le carovane arabe si è diffuso in tutto il mondo, contribuendo in maniera determinante all'origine degli altri levrieri come l'afgano, il borzoi, il greyhound e lo stesso slou-ghi. Sulla tomba del faraone Uahenk, eretta a Karnak circa 4.000 anni fa, sono raffigurati quattro saluki in pose diverse. Questa testimonianza ci conferma l'origine antichissima del levriero persiano. Dotato di vista acuta e grande velocità, è stato allevato con molta cura dai beduini che lo impiegarono nella caccia a gazzelle e volpi del deserto. Come è accaduto per i whippet e 1 greyhound, anche il saluki attualmente viene selezionato per le esposizioni oppure per il coursing su gazzella nei Paesi Arabi, ma non è raro incontrarlo ancora al seguito di popolazioni nomadi, impiegato nella caccia. La caratteristica dominante del saluki è la resistenza fisica che gli consente di inseguire la preda nel deserto per ore e ore. Il saluki si differenzia inoltre dal cugino sloughi poiché il pelo delle orecchie e della coda si presenta con lunghe frange.


STANDARD

Il saluki è un cane che deve dare l'impressione di grazia, armonia e resistenza, ma anche di forza, poiché questa gli è indispensabile per uccidere una gazzella o altra selvaggina sia sulle sabbie del deserto che sulle rocce delle montagne. L'espressione è ricca di dignità e dolcezza, lo sguardo è vivo e profondo. La testa è lunga, stretta e asciutta, il cranio è moderatamente largo tra gli orecchi, lo stop appena accennato. Il tartufo è nero nei mantelli scuri o bruno (in armonia con il colore del pelo) in quelli chiari. Gli occhi sono relativamente grandi, di forma ovale e in genere scuri. Le orecchie sono attaccate alte, pendenti e guarnite di lunghi peli serici, leggermente ondulati. Il collo è lungo ed elegante, il corpo allungato, il torace profondo, la groppa scoscesa, il ventre retratto. La coda è lunga e termina con frange setose lunghe, inserita e portata bassa. L'andatura è rapida ed elastica. L'altezza varia dai 60 ai 70 centimetri, mentre il peso dai 13 ai 30 chilogrammi. Il mantello, liscio e serico, è unicolore nelle tonalità bianco, crema, fulvo e grigio oppure tricolore (bianco, nero e rosso). Il pelo è raso, morbido e brillante con frange sulle orecchie e sulla coda.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails