Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

mercoledì 24 giugno 2009

Le razze del gruppo 9: IL PAPILLON

IL PAPILLON




ORIGINE
Francia e Belgio




CARATTERE
Molto affettuoso, possessivo verso i padroni, scontroso con gli estranei.








Razza da compagnia e "da grembo" della quale si riscontrano le vicissitudini in numerose opere artistiche poiché, a partire dal XIV secolo, fu molto apprezzata dalle corti europee. Hanno raffigurato il papillon i pittori Tiziano, Velazquez e Rubens.
Di origine franco-belga la razza ha conosciuto i fasti di corte soprattutto con la salita al trono di Luigi XIV di Francia, divenuto re all'età di quattro anni. La storia ci racconta inoltre che il re inglese Enrico III pagò assai cari alcuni soggetti acquistati a Lione pur di ottenerne degli esemplari. Con il crollo delle monarchie l'epagneul nano, come molti altri cani piccoli da grembo, rischiò l'estinzione; soltanto l'amore per la razza di alcuni allevatori francesi e belgi evitò la fine a questo piccolo épagneul a pelo lungo e dalle orecchie erette. Nella cucciolata possono presentarsi anche soggetti con le orecchie ricadenti: questa varietà viene detta phalène. Lépagneul nano continentale si ritiene discenda da una razza nana da caccia di origine francese, ma vi sono anche altre tesi che lo mettono in relazione con gli spaniel nani di Spagna. Viene chiamato papillon poiché le sue orecchie frangiate ed erette sembrano due ali di farfalla (in francese papillon).


STANDARD


Il papillon o épagneul nano continentale è di piccola taglia dal lungo pelo e dalle orecchie erette e molto frangiate. Il cranio è leggermente arrotondato, il muso è affilato e più corto del cranio, gli assi cranio-muso sono separati dallo stop marcato. Gli occhi sono grandi, scuri, a forma di mandorla, piazzati frontalmente e in basso rispetto al cranio. Le orecchie ricoperte di lunghissime frange, sono attaccate alte, diritte, con il padiglione rivolto sul lato e ricoperto di pelo ondulato. Il collo è arcuato e di media lunghezza, il torace è largo, la linea dorsale è abbastanza diritta, la coda è attaccata alta, portata a pennacchio, molto frangiata e abbastanza lunga. Il mantello, privo di sottopelo, è lucido, serico, ondulato e molto abbondante. Il pelo è di tessitura abbastanza fine, un po' ricurvo, ma non ondulato: è corto sul muso e sulla parte bassa degli arti, abbastanza lungo sul corpo e molto lungo sul collare, sulle cosce e sulla coda dove le frange possono raggiungere 15 cm di lunghezza. Sono ammessi tutti i colori sul fondo bianco del mantello. Il bianco deve comunque risultare dominante sul muso, sul petto, sul corpo e sugli arti. Le mucose e il tartufo devono essere ben pigmentati. L'altezza al garrese è di circa 28 centimetri; il peso varia intorno ai 3 chilogrammi.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails