Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

mercoledì 5 agosto 2009

Approfondimento: Rottweiler, il carattere




Il Rottweiler è un ottimo cane da difesa, ma è un altrettanto valido e affettuoso cane da compagnia, proprio perché la sua maggiore dote, se è stato correttamente allevato ed educato, è l'equilibrio psichico. La selezione umana ha lavorato molto bene su questa razza, ottenendo un cane tranquillo e sicuro di sé, mai nervoso né eccessivamente diffidente. Ovviamente si comporterà sempre in modo piuttosto riservato con le persone che non conosce, ma è un cane in grado di capire con grande rapidità se si trova di fronte a un amico o a un nemico, se c'è un possibile pericolo o se si può rilassare.
Passando a un'analisi più dettagliata delle varie caratteristiche comportamentali, osserviamo che il Rottweiler è un cane "a tempra dura": ciò significa che è in grado di sopportare il dolore fisico e di dimenticare in fretta le esperienze spiacevoli.
Il Rottweiler ha poi una buona dose di aggressività, intesa come capacità di reagire prontamente e con la massima decisione alle provocazioni esterne: non è quindi un cane genericamente mordace o "cattivo", ma un cane in grado di difendere prontamente se stesso e il suo padrone da eventuali pericoli.L'aggressività nel Rottweiler non è comunque elevatissima, proprio perché il cane è molto sicuro di sé e molto coraggioso: solitamente i cani più aggressivi sono quelli che hanno più paura, e non è proprio il caso di questa razza. Nel Rottweiler, infine, è stato selezionato un forte impulso alla lotta, o combattività: questa è una dote fondamentale nel cane da difesa, che deve accettare lo scontro fisico senza paura delle conseguenze e del possibile dolore che potrebbe sentire. Senza questa caratteristica, un cane da difesa scapperebbe piangendo alla prima reazione del nemico (per esempio, un calcio del malfattore che sta aggredendo il padrone) e diventerebbe completamente inutile ai fini del suo lavoro di difensore.






Ricerca personalizzata

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails