Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

giovedì 6 agosto 2009

Come combattere il sovrappeso nei cani: e la dieta da sola può bastare?


La percentuale di successo dei regimi dietetici dimagranti è alquanto bassa: le diete concluse con buoni risultati non superano, infatti, il 50-60%.
Questo dipende dal forte impegno a tempo prolungato necessario per il trattamento - che spesso dura più di cinque mesi - e da ulteriori fattori imputabili sia al proprietario, sia all'animale.
Tra i fattori d'insuccesso dovuti all'atteggiamento dei proprietari c'è la poca attenzione dedicata al pesare e dosare le corrette quantità di cibo, i sensi di colpa motivati dalle manifestazioni di fame da parte del cane, la limitata conoscenza dei seri danni dovuti all'obesità e dei reali benefici legati alla perdita di peso, la scarsa consapevolezza del contenuto calorico di dolci e avanzi di cibo dati in pasto ai propri cani, l'insoddisfazione dovuta alla lentezza dei progressi visibili nella perdita di peso. Tra i fattori di insuccesso dovuti, invece, alle caratteristiche del cane si trovano: la mancanza di movimento, la sterilizzazione (le femmine sterilizzate necessitano, infatti, di ridurre il fabbisogno calorico fino al 40%], l'età, il sesso e i trattamenti medici, la predisposizione di razza, l'ingordigia.
«È fondamentale - sottolineano Carlos Bustillo (veterinario di Albetair, Spagna) e Debra Zoran (Texas A & M University), che hanno esposto la loro esperienza clinica con farmaco alla conferenza "Canine obesity: stemming the epidemie" indetta dalla Pfizer lo scorso anno - che la terapia farmacologica dell'obesità sia parte integrante di un programma di controllo del peso completo che prevede la modificazione dello stile di vita del cane, con particolare enfasi a una dieta completa e bilanciata e all'attività fisica. Non quindi un rimedio isolato a breve termine per risolvere rapidamente il problema dell'obesità». Alcuni animali sono più predisposti ad accumulare grasso - aggiungono all'ANMVI - in particolare femmine sterilizzate e maschi castrati, alcune razze (per esempio cocker, labrador e i bassotti] e tutti i cani che vivono in appartamento. In commercio, si trovano prodotti light (a basso contenuto proteico) per cani obesi. Infatti, se il cane è già obeso, per prima cosa occorre ridurre la quota calorica settimanale. È necessario, inoltre, stimolarlo a muoversi accompagnandolo più spesso al parco a giocare o fuori città. Si possono quindi sostituire i grassi con i carboidrati e si possono aumentare le fibre indigeribili che riducono l'assorbimento dei grassi, facendo sempre attenzione a non far mancare i principi nutritivi fondamentali. I pasti dell'animale, inoltre, devono limitarsi ad uno o al massimo a due al giorno e ben distanziati. Infine, è buona regola non dare mai da mangiare al cane fuori pasto.


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails