Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

sabato 15 agosto 2009

Il cane e i 5 sensi: la Vista



Vediamo ora in maniera più concreta come si è sviluppata la sensorialità del cane nel tempo. Sfatiamo alcune dicerìe comuni, soprattutto!
Allora, prendiamo in esame i 5 sensi, quelli propri dei mammiferi, in attesa di un Approfondimento Speciale sul Sesto Senso del cane, che è quello che lo rende ancora di più un Compagno di vita a cui non si può rinunciare...


"Il modo in cui il cane percepisce l'ambiente è un argomento sul quale esistono moltissimi luoghi comuni: il cane vede in bianco e nero, è guidato soltanto dall'odore, il senso del gusto in lui non è molto sviluppato e cosi via. Queste credenze tramandate nel tempo non sono fondate su dati scientifici e possono essere facilmente smentite. È sufficiente la semplice e obiettiva osservazione di tutti i cani da compagnia.

Come vede il cane?

Il cane non possiede una vista eccellente, ma sembra che nella specie canina l'acuità visiva sia soggetta a variazioni in base alla razza, e che le razze selezionate per la cattura della selvaggina siano più dotate delle altre. La pretesa visione in bianco e nero è una credenza: il cane vede i colori. Ciò nonostante, la capacità di discriminazione fra le sfumature di uno stesso colore è molto meno sviluppata nel miglior amico dell'uomo che in certi altri rappresentanti del mondo animale, come per esempio gli uccelli. Per il cane che esamina l'ambiente che lo circonda, la vista non è il senso principale , ma piuttosto un senso secondario, grazie al quale il nostro amico a quattro zampe può rendere più precise alcune informazioni ricevute tramite altri mezzi.
Bisogna peraltro aggiungere che il cane percepisce molto bene il movimento, una qualità che i pastori non mancano di sviluppare per poter comandare i loro aiutanti a distanza. Come molti predatori il cane è sviato dall'immobilità della preda; al contrario, può essere stimolato da certi movimenti del fogliame."

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails