Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

lunedì 17 agosto 2009

La Fuga: il padrone e la separazione dal cane...



Un cane non è un peluche, come ho avuto modo di dire su Yahoo Answer(http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=AoO_2uJZFS.b2Jl6_Fz1R2jxDQx.;_ylv=3?qid=20090816120939AAsrWDA&show=7#profile-info-RVd5yD2baa, io sono girasole), più di una volta. Un cane ha bisogno di uno stretto contatto col padrone e con la tribù di casa. Non si accontenta di vedere "qualcuno" soltanto nell'attimo della "consegna del pasto". Allora prende altre strade, cercando la compagnia dei suoi simili e di un umano che gli faccia le coccole.....Un'Anima non si acquista, ma si può conquistare la sua fedeltà fino alla morte: non è automatico, con l'erogazione dell'assegno all'allevatore, tutto questo.
E' bene saperlo. Ci vuole molto di più perchè questa unione (ed altre...) sia PER SEMPRE...

"Il cane, animale domestico per definizione, vede la sua liberta limitata dall'uomo, anche se essere dipendente da lui gli offre alcuni vantaggi e gli permette comunque di soddisfare i suoi bisogni primari. Oggigiorno il cane vive sempre di più in città, a volte chiuso in casa o legato dietro un cancello. Come stupirsi allora che sia tentato di darsi alla fuga?
Se il randagismo non ha mai creato grossi problemi in campagna, in un ambiente urbano la fuga di un animale non è esente da rischi: ad esempio è sempre possibile che il cane, non abituato alla strada, provochi un incidente, con le inevitabili conseguenze per sé e per gli altri.

Perché la fuga?
Una delle maggiori cause di fuga del cane adulto è l'istinto di accoppiamento. I cani giovani, trattenuti dalla paura e dall'inesperienza, fuggono invece molto raramente. Le scappatelle possono portare i cani anche molto lontano dalla casa del loro padrone, a volte persino in altre città. Dopo una prima fuga sarà molto difficile che il cane non ci riprovi a un'occasione successiva. Col tempo il numero delle fughe e la loro durata aumentano rapidamente. Niente fermerà il cane che ama la fuga: rosicchierà il guinzaglio, aprirà varchi nelle siepi, salterà sempre più in alto per oltrepassare i muri di cinta. Durante la fuga, il cane di solito è calmo e poco aggressivo. Evita l'uomo ma cerca la compagnia degli altri cani. Il contatto può invece essere violento se il fuggitivo incontra un cane al guinzaglio. Animale innatamente 'sociale', il cane scappa anche per solitudine. Troppo spesso, infatti, si ritrova a vivere solo in un giardino, con pochissimi rapporti con il resto del branco-famiglia, se non al momento del pasto giornaliero; il cane così confinato scappa per andare a cercare altri cani con cui socializzare, o persone che gli diano qualche carezza e un po' di attenzione. Altri soggetti destinati alla fuga sono i cani appartenenti a razze da caccia, con forte istinto alla ricerca di selvaggina. Impiegati come cani da compagnia, alla prima occasione scapperanno seguendo il proprio istinto represso, non fosse altro per dare la caccia alle galline del vicino o ai gatti del circondario. Lo stesso discorso vale per i soggetti di certe razze da pastore, indipendenti di indole, e per i cani nordici, bisognosi di grandi spazi in cui correre. Per non dover affrontare problemi di cui poca colpa ha il singolo soggetto, l'indole della razza è quindi un aspetto da valutare attentamente quando si decide di acquistare un cane."

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails