Translate

1.012 approfondimenti su razze, alimentazione, riproduzione, comportamento dei cani. Buona Lettura

Il sito piace....

Segnalato da Pet Magazine

"Ciao Sonia,
ti scrivo perché qualche giorno fa abbiamo pubblicato un post di segnalazione per blog e siti che ci sembrano meritevoli e abbiamo incluso "Blog sul cane e i cuccioli..."
Giuseppe Pastore, redazione di Pet Magazine

mercoledì 21 ottobre 2009

Allora torniamo alle origini, per capire


Il branco è costituito da un gruppo di animali che vivono assieme, e nel quale ogni membro dipende, per la propria sopravvivenza, dagli altri. Nel mondo selvatico, il branco garantisce protezione, cameratismo, assistenza, babysitter per i cuccioli e compagni per la caccia, i membri sono leali e molto legati gli uni verso gli altri. Ogni branco ha un suo leader, che è generalmente il maschio più dominante.
Questo prende le decisioni, e tutti gli altri si mettono in riga e gli devono sottomissione. Sotto di lui tutti gli altri lupi devono essere o leader o seguaci all'interno del resto del branco.
Il leader è spesso l'unico maschio ad accoppiarsi, generalmente con la «leader» del sottobranco femminile. Dal momento che il leader e la sua compagna sono i più forti, procreeranno una prole forte e sana. E visto che nessun altro si riproduce, non ci saranno mai troppe bocche da sfamare. Una tale struttura consente il controllo della popolazione, assicurando la sopravvivenza dei più sani.
Quando i leader maschio e femmina hanno i cuccioli, la femmina diventa leader dell'intero branco fino al momento in cui i cuccioli diventano abbastanza adulti da poter correre e andare a caccia con il branco. A questo punto il maschio torna ad essere il capo del branco.
La caccia è la vera ragione per cui cani e lupi sono animali da branco. Non sono sufficientemente veloci da poter sopravanzare le prede, ed è per questo che si sono messi assieme in modo da poterle circondare per poi attaccarle, senza lasciare loro alcuna possibilità di fuga.
Una volta che la preda è stata uccisa, il leader ne mangia per primo. Tutti i lupi si raggruppano attorno all'animale catturato e, se la preda è piccola, ad alcuni dei membri della classe inferiore può capitare di dover aspettare fino a quando quelli della classe superiore non siano sazi e si allontanino dal cibo.
Visto che il branco si prende cura di quelli che non sono autosufficienti, ai lupi più anziani, se non sono in grado di procurarsene autonomamente, il cibo viene offerto. Il capo branco porta il cibo alla sua femmina nei periodi in cui questa sta allevando i piccoli nella tana. I cuccioli vengono nutriti tanto dalla madre quanto dagli altri membri adulti del gruppo. Possono anche leccare il cibo dalle labbra degli adulti, i quali, a volte, rigurgitano per dar loro da mangiare. A volte i lupi sotterrano parte delle loro prede, ma capita quasi sempre che altri animali scoprano il loro bottino sottraendo ai lupi il frutto della loro caccia.
Dopo la caccia e dopo il pasto, il branco si concede un po' di riposo, e può passare un po' di tempo a giocare. Se in quel territorio esistono ancora delle possibili prede, il branco può decidere di stanziarvi e fare della zona la propria base. Spetterà al capobranco stabilire se e quando trasferirsi. Se alcuni membri si sono allontanati dal gruppo durante la caccia o durante il gioco, i lupi si mettono ad ululare per riunire il branco.
Il leader mantiene la propria posizione fino a quando non viene scalzato da un lupo più forte e più intelligente, o fino alla sua morte. In quest'ultimo caso ci saranno probabilmente dei combattimenti tra i maschi delle classi superiori per determinare chi dovrà essere il nuovo leader.
Un lupo solitario non può sopravvivere a lungo senza il suo branco. Al contrario, un cane, pur essendo un animale da branco, può sopravvivere perché entra a far parte di un branco di un'altra specie — quella degli umani.


Ricerca personalizzata


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails